Un vero e proprio scandalo si è consumato lunedì 3 luglio tra le vette dei Monti Sibillini: alcuni turisti, durante la loro escursione al Lago di Pilato, si sono avventurati in un bagno nelle sue sacre acque… per di più, completamente nudi!

Un gesto oltraggioso che ha provocato la reazione sdegnata dei social e del web. Oltretutto, un’azione del genere è estremamente pericolosa per l’intero ecosistema del luogo: nel lago infatti, vive una rarissima specie di crostaceo, il Chirocefalo, che non ha altro habitat al mondo che le acque del Lago di Pilato. Un tesoro che le autorità del luogo preservano proibendo di avvicinarsi alle acque, e di rimanere quindi ad almeno 5 metri di distanza per non compromettere la sopravvivenza di questo animaletto.

Dopo le paure dello scorso maggio, in cui si temeva addirittura la sparizione del lago a causa del terremoto (clicca qui per leggere i timori sulla sparizione del Lago di Pilato), oggi si torna a temere per la sopravvivenza di questo luogo così delicato ed affascinante, ma questa volta per mano della stupidità umana.

La segnalazione di quanto avvenuto lunedì, è stata affidata alla pagina Facebook “Il Camoscio dei Sibillini – Escursioni e Trekking” da Alessandro Bugatti, autore delle foto, e subito si è (giustamente) scatenata la polemica. Secondo Alessandro, si trattava di turisti provenienti dal nord Europa che, una volta raggiunto il luogo, non si sono fatti scrupoli nel togliersi tutti i vestiti e fare il bagno nel lago, senza che nessuno li fermasse (fotografo compreso!).

Un avvenimento questo che ha acceso la polemica sulla presenza o meno di cartelli in varie lingue che spiegassero come comportarsi in questo luogo (pare non siano più presenti da un anno a questa parte), e sulla presenza o meno di personale appositamente addetto alla sorveglianza delle sponde del lago (cosa prevista fino a qualche tempo fa).

Un gesto irrispettoso e di inciviltà che speriamo venga al più presto sanzionato dalle autorità competenti.

bano-lago-pilato-2

bagno-lago-pilato-1

bagno-lago-pilato-3

 

LASCIA UN COMMENTO