Dopo le forti scosse del 26 e 30 ottobre, il terreno si è squarciato, tanto da provocare uno strano fenomeno: quello del vulcano di fango. Il fenomeno si è verificato nelle campagne di Santa Vittoria in Matenano in provincia di Fermo.

Il vulcano è spettacolare e preoccupante allo stesso tempo poichè, pur se di piccole dimensioni, è riuscito comunque ad emettere notevoli quantità di materiale argilloso che non è ancora chiaro se sia tossico.

La spiegazione scientifica di questo evento è da attribuire alla risalita di acqua e gas attraverso le faglie che si aprono nel terreno a seguito di un fenomeno chiamato “vulcanesimo sedimentario“. Nella loro risalita, acqua e gas portano con sé ciò che incontrano dando vita colate di fango molto simili a un cratere vulcanico.

I vulcani di fango possono salire in superficie o grazie a fenomeni traumatici come un terremoto, che permette ai gas di rompere strati di sedimenti altrimenti troppo rigidi per essere spaccati (vulcani macaluba), oppure sfruttando un condotto magmatico (vulcano salinella).

Il fenomeno non rappresenta un pericolo diretto per l’uomo poichè la temperatura del materiale espulso non supera i 18°, tuttavia il terreno interessato può diventare sterile.

Ecco il video del cratere apertosi a Santa Vittoria in Matenano

LASCIA UN COMMENTO