Da attente osservazioni aeree dell’Appennino, Marcello Betti, un noto assisano famoso per le sue scoperte storiche, ha scoperto una formazione quasi certamente artificiale, composta da 13 perfetti cerchi concentrici. La formazione è visibile nella sua interezza solo dall’alto, ed è posta su di una collina boschiva detta Torricella, in prossimità di Verchiano (Foligno).

Il manufatto ricorda quello assai misterioso di Nazca (Perù), anch’esso visibile solo dall’alto, e si presenta come anonimo accumolo di pietre che però dal cielo disegna sul terreno cerchi di una precisione geometrica quasi perfetta.

linee-di-verchiano
Le linee di Verchiano viste dall’alto

Nell’Italia centrale esistono altre strutture simili ai cerchi di Verchiano come per esempio quella alle falde del Monte Sambucaro che si trova nel Frosinate, ma che è circa la metà di quello umbro. Esso infatti, presenta soltanto sette cerchi concentrici. Il sito umbro ha dimensioni enormi, coprendo una superficie di almeno 50 metri di diametro.

Altri monumenti simili si trovano poi nei pressi di Brescia e in Sardegna.

Data la sua scoperta recentissima (2013), il sito di Verchiano, non ha ancora una spiegazione storica dei motivi della sua costruzione e del suo utilizzo. Si pensa comunque che fosse un sito sacro, forse riconducibile all’antichissima popolazione degli Umbri.

 

LASCIA UN COMMENTO